Nutrie: piano regionale per contenimento ed eradicazione

Nutrie: piano regionale per contenimento ed eradicazione

nutrie-324x186 Nutrie: piano regionale per contenimento ed eradicazione Ambiente Costume e Società   Carne commestibile e sfruttabile per mille ricette (nella Bassa Modenese la mangiano in umido); portatrice secondaria (occasionale) di Leptospirosi, elevatissimo tasso riproduttivo (13 cuccioli alla volta anche per 3 volte l’anno, fate voi il conto…) e assenza di predatori naturali. Parliamo della nutria. L’accusa più grave è quella di scavare gallerie provocando l’erosione degli argini. Come spesso accade esistono pareri discordi, c’è chi difende questo roditore. Sono stati compiuti studi nell’area del Sudovest Milanese che proverebbero che non esisterebbe correlazione tra le nutrie e una possibile ridotta produzione agricola. La nutria non si addentrerebbe in mezzo ai campi, ma preferirebbe restare nell’acqua (e infatti prolifera nelle zone coltivate a riso…); inoltre non scaverebbe affatto dei cunicoli, bensì spazi di terra, “conche”.

Colpa dei diserbanti e non delle nutrie

Pubblicità

Secondo questi studi dove vi è vegetazione e vi sono le nutrie e le loro tane, gli argini sono solidi; l’instabilità degli argini sarebbe causata dai mezzi agricoli e dall’uso di diserbanti. I dissesti idrogeologici sarebbero causati dall’agricoltura intensiva e dagli allevamenti. La Regione Lombardia ritiene che la nutria rappresenti un’emergenza. Nel corso del 2016 sono state catturate circa 50.000 esemplari. L’assessore al Welfare più di un anno fa ha scritto, insieme all’allora assessore all’Agricoltura, al Ministro della Salute, chiedendo un finanziamento straordinario: “E’ attualmente in corso l’iter per l’approvazione del Piano regionale per il 2018 – 2020 da parte della Giunta. Dovrebbe avvenire entro la fine di questo mese. Abbiamo dato indicazione agli Enti preposti di continuare l’attività, fornendo le indicazioni operative contenute nelle nuove linee guida. L’attività di contenimento è continuata, in virtù della Legge regionale 32/2014 che di fatto attribuisce la competenza alle Province e ai Comuni, anche se le risorse messe a disposizione sono a copertura solo di una quota parte dei costi previsti dal Piano di contenimento e attuato nelle province”.

Valentina Simona Bufano
Poetessa, romanziera e collaboratrice di vari giornali, web tv e radio. Ho vinto premi letterari e partecipato a due rassegne culturali: “Subway Letteratura” e “The Last Apple on the tree”, lavorando con illustratori professionisti. I miei libri hanno venduto in tutto un migliaio di copie, riportando ottime critiche. Il mio primo romanzo, “3 ragazzini e il Fato” ha riscosso successo sul blog di recensioni chelibroleggere.blogspot.it e ho vinto il premio della giuria al Trofeo del Lupo 2017. Nel 2009 “Il Giorno” mi ha dedicato la rubrica “Il Personaggio”. Nel 2016 ho ricevuto dalla Pro Loco di Trezzano sul Naviglio la pergamena del “Trezzanino d’oro” per le attività culturali, di cui sono molto orgogliosa.

Nessun commento

Rispondi