Sarà derby spettacolo tra Olimpia Milano e Cantù: ecco le statistiche

Sarà derby spettacolo tra Olimpia Milano e Cantù: ecco le statistiche

0

Olimpia Milano

Milano – I playoff del campionato italiano partono con il botto, ovvero il derby Milano-Cantù, il quarto della stagione (2-1 a favore dell’Olimpia, i precedenti). Si affrontano due squadre filosoficamente differenti. L’Olimpia ha la difesa che concede meno punti, quella di Cantù ne concede più di tutti; al tempo stesso Cantù è prima nei punti segnati per gara con massiccio ricorso al contropiede, però l’Olimpia ha percentuali migliori nel tiro da due ed è stata superiore a rimbalzo nonostante la presenza di Christian Burns, oltre i 10 rimbalzi per partita.

Cantù squadra bassa all’occorrenza..

Cantù è una squadra che può abbassarsi notevolmente, con Jeremy Chappell impiegato anche da 4 o Charles Thomas da 5, ma conta molto sulla potenza di fuoco di Jaime Smith e Randy Culpepper, quest’ultimo quarto realizzatore della Seria A. L’Olimpia però ha un Andrew Goudelock da 19.6 di media nelle ultime cinque partite giocate oltre il 42% nel tiro da tre e un Vlado Micov con cifre da MVP del campionato nel girone di ritorno. La formula prevede due gare al Mediolanum Forum (sabato 12 e lunedì 14) alle 20.30 e poi il trasferimento a Desio, campo di casa di Cantù in questa stagione, per gara 3 (mercoledì 16) e l’eventuale gara 4 (venerdì 18). Gara 5 – se necessaria – si giocherà lunedì 21 al Mediolanum Forum per evitare la concomitanza con la finale di EuroLeague a Belgrado.

Olimpia – Cantù, attacchi a confronto

Cantù è prima in Serie A per punti a partita con 87.3, oltre cinque di media in più di quelli che segna l’Olimpia. Cantù è più precisa dall’arco, ma Milano è migliore nel tiro da due e dalla lunetta. L’Olimpia è superiore a rimbalzo, sia quelli in attacco che in difesa. Ha meno assist e meno recuperi ma dipende anche dall’alto numero di possessi generati da Cantù. Milano è superiore nelle stoppate che però sono una statistica difensiva.

Gianluca Drammis
Giornalista pubblicista dal 2015: innamorato dello sport ed in particolare del calcio. Ho lavorato per diverse testate televisive giornalistiche (Telenova, Telereporter e Sportitalia), sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Leggetemi, non ve ne pentirete!

Nessun commento

Rispondi