Investe due carabinieri con il Tmax per evitare l’arresto per spaccio

Investe due carabinieri con il Tmax per evitare l’arresto per spaccio

polizia-324x228 Investe due carabinieri con il Tmax per evitare l'arresto per spaccio Cronaca Milano Prima Pagina   Arrestato uno spacciatore 26enne, il suo aiutante e un cliente, nel corso dei consueti controlli effettuati dai Carabinieri di Milano.
Durante le procedure di controllo, effettuate a seguito di segnalazioni di individui sospetti, i Carabinieri della Stazione di Quarto Oggiaro, hanno identificato un presunto spacciatore del 1992, di nome Kristian Della Palma, in via Baldo degli Ubaldi.
L’uomo era in un possesso di una grossa e costosa moto Tmax, che ha insospettito ancora di più gli agenti.

Pubblicità

Nel corso della stessa giornata, giunge presso la casa del 26enne, un italiano di 50 anni, anche lui a bordo di una TMAX, probabilmente un cliente. Questo secondo individuo, anch’esso sospetto, citofona al suo spacciatore, che prima si affaccia alla finestra e poi prontamente scende in strada e gli consegna della merce senza farsi notare.
A questo punto i Carabinieri decidono di intervenire: fermano e perquisiscono i due uomini, e trovano addosso all’acquirente 2.500 euro e 21 grammi di cocaina. A casa di questo saranno poi trovati altri 11mila euro.

Addosso ai due carabinieri con il Tmax, ma non riesce a sfuggire

Il 26enne decide di scappare a gran velocità, buttando, durante la corsa, un mazzo di chiavi per terra. I Carabinieri si danno all’inseguimento, ma il secondo uomo dietro di loro, li segue a sua volta con la TMAX, investendo uno dei due Carabinieri e passando sul piede dell’altro. Scoppia una grande rissa, ma i rinforzi giungono in aiuto: i due vengono arrestati.
Dopo aver poi trovato le chiavi gettate in strada, i Carabinieri entrano in casa del 26enne, dove trovano circa 412 grammi di cocaina e diverse sostanze per tagliare gli stupefacenti sparse in giro per l’abitazione. Ma non è tutto,  all’ingresso viene trovato un ragazzo di origini turche. che probabilmente era intento alla lavorazione di diverse dosi di cocaina.

Il 50enne è stato arrestato per resistenza, spaccio e lesioni personali nei confronti dei Carabinieri e la sua moto è stata posta sotto sequestro, il ragazzo turco è stato denunciato per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, mentre il 26enne è stato arrestato per resistenza e spaccio di droga. Tutti e tre gli uomini sono stati portati presso il carcere di San Vittore.

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi