Arresto civico. Egiziano blocca marocchino e gli fa restituire l’Iphone6

Arresto civico. Egiziano blocca marocchino e gli fa restituire l’Iphone6

0

linea-autobus-91-milano-notte-043-body-image-1426866868-324x212 Arresto civico. Egiziano blocca marocchino e gli fa restituire l'Iphone6 Milano Prima Pagina   Una bella storia di impegno civico al servizio della giustizia ha avuto per protagonista un cittadino egiziano che ha sventato un furto e arrestato il colpevole. Lo scorso 14 aprile, intorno alle 11.30  ai carabinieri milanesi è arrivata una telefonata con una richiesta di intervento per un arresto civico. Qualunque cittadino può fermare e arrestare un delinquente colto in flagranza di reato e trattenerlo fino all’arrivo delle forze dell’ordine. Quando i carabinieri sono arrivati sul posto, in largo Ascari, hanno effettivamente trovato un alcuni curiosi e un egiziano di 25 anni che aveva fermato un marocchino di 49 anni, irregolare e senza fissa dimora. Il giovane egiziano, prima dell’arrivo dei carabinieri, aveva ottenuto la restituzione di un Iphone6 appartenente ad una giovane donna, che aveva accompagnato sul posto.

Ancora la circolare 91

Ha poi raccontato ai carabinieri che la storia era iniziata sul filubus 91, quando aveva notato i modi sospetti con cui si muoveva il marocchino. Poi l’uomo è sceso dal filobus mentre lui ha continuato il suo viaggio. Dopo appena due fermate, una giovane donna è scoppiata in lacrime. Le avevano rubato l’Iphone6. L’ egiziano non ci ha pensato due volte. Con la giovane ragazza è sceso dall’autobus e insieme hanno percorso a ritroso la strada fino ad arrivare alla fermata in cui aveva visto scendere il sospetto. Proprio in quel momento, il marocchino stava uscendo da un bar. Lo hanno visto e riconosciuto.  Il giovane uomo lo ha affrontato e, dopo un primo momento, ha trovato le giuste parole e il giusto atteggiamento per convincere il marocchino a restituire l’Iphone6.  All’arrivo, i carabinieri hanno quindi prelevato e portato in caserma il ladro e gli hanno contestato il reato. Purtroppo il giudice davanti al quale si è presentato per il processo per direttissima non è stato solerte quanto il giovane egiziano e invece di confermare l’arresto si è accontentato di una denuncia a piede libero. Quindi, il marocchino 49enne sarà probabilmente già ritornato sul filobus 91, a caccia di vittime.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente, sul giornalino della parrocchia, l'Urlo. Tra il 1977 e il 1982 circa ho lavorato in una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Da 17 anni sono uno degli speaker radiofonici della più bella delle radio milanesi, RPL. Ho collaborato con quotidiani e settimanali, occupandomi di tutto, dalla cronaca allo sport. Come Web Content Specialist seguo blog e testate giornalistiche online. Ora mi occupo della redazione di Zoom Milano.

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi