Coltellate in via Ripamonti. Chiuso il Bizz@re

Coltellate in via Ripamonti. Chiuso il Bizz@re

polizia-300x201 Coltellate in via Ripamonti. Chiuso il Bizz@re Cronaca Milano Prima Pagina   La serata è finita a coltellate, poco dopo la una della notte fra il 12 e il 13 aprile, in via Ripamonti 580, all’interno del circolo privato Biz@rre. Durante una discussione avvenuta fra cinque persone, 3 uomini sono stati feriti da diverse coltellate, in modo grave. Non sono però in pericolo di vita. I colpevoli sono invece scappati a bordo di un’auto di grossa cilindrata prima ancora dell’arrivo dei soccorsi.
I feriti sono un 53enne che è stato portato in codice rosso all’Humanitas, un 51enne in codice giallo al Niguarda e un 37enne originario del Bangladesh, portato in codice giallo all’ospedale di San Donato Milanese. Sull’episodio sta indagando la sqaudra mobile della polizia di Stato. La licenza del locale è stata invece sospesa, con effetto immediato, per 30 giorni, con la motivazione che il circolo privato costituisce un concreto pericolo per l’ordine pubblico e per la sicurezza della cittadinanza. Il provvedimento, emesso dalla Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Milano, è già stato notificato a cura degli agenti del Commissariato di PS Scalo Romana che hanno apposto i sigilli su ordine del Questore Cardona che ha deciso di adottare un provvedimento di durata superiore al limite previsto dall’art. 9/3° comma della L. n. 287/1991.

 

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi