Giardini Indro Montanelli: nasce il “Mobility Dog Park”

Giardini Indro Montanelli: nasce il “Mobility Dog Park”

cane-milano-324x224 Giardini Indro Montanelli: nasce il "Mobility Dog Park" Ambiente Costume e Società    Il 7 aprile è stato inaugurato a Milano, presso i Giardini Indro Montanelli, il “Mobility Dog Park”, realizzato grazie all’iniziativa di Amazon Eu Sarl nell’ambito del progetto “Cura e Adotta il Verde Pubblico”.  All’inaugurazione hanno presenziato l’assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran e Tommaso Debenedetti, Category Leader Consumables di Amazon.it.

Pubblicità

In una delle due aree cani del parco è stato allestito un percorso gioco-addestramento per gli amici a quattro zampe, in cui è possibile svolgere esercizi di mobility dog. Il progetto vuole favorire l’attività fisica e il benessere dei cani ma anche l’incontro tra i cittadini che frequentano i Giardini Montanelli. Amazon Eu Sarl, affiancata dell’Associazione Agiamo, si farà carico dei lavori di manutenzione delle strutture installate per tre anni.

L’area che ospita il Mobility Dog Park è stata dotata di sette strutture per il gioco e l’addestramento dei cani che tracciano un percorso ideato per affinare l’agilità dell’animale e rafforzare la comunicazione e la collaborazione tra il cane e il suo padrone. Tra gli attrezzi che compongono il percorso sono presenti tunnel, saliscendi a cavalletto, assi di equilibrio, cerchio, bilico, una serie di quattro ostacoli orizzontali e paletti per slalom, per il divertimento dei padroni e dei loro amati amici a quattro zampe.

Questo progetto nasce anche dallo speciale rapporto che Amazon ha con i cani: infatti, uno degli edifici dell’HQ di Seattle è stato intitolato a Rufus, il cane di uno dei primi dipendenti dell’azienda e mascotte del marchio.

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi