Morto a 60 anni il celebre conduttore Fabrizio Frizzi

Morto a 60 anni il celebre conduttore Fabrizio Frizzi

0

fabriziofrizzi-324x199 Morto a 60 anni il celebre conduttore Fabrizio Frizzi Costume e Società   Nella notte tra il 25 e il 26 marzo, Fabrizio Frizzi è morto presso l’ospedale Sant’Andrea di Roma a causa di un’emorragia cerebrale.
L’annuncio della sua morte è stato dato dai suoi familiari, dal fratello Fabio e dalla moglie Carlotta, addoloratissima per la prematura perdita del marito e per non poter più sperare di vedere la piccola Stella, la figlia di 5 anni, crescere accanto al suo papà. Anche in Rai è lutto: “Con Fabrizio se ne va un pezzo di noi, della nostra storia, del nostro quotidiano”.
Dallo scorso ottobre Frizzi era stato colpito da un malore proprio negli studi televisivi del quiz “L’eredità”, di cui era abituale conduttore. Proprio per questo era stato ricoverato, sottoposto a una serie di esami e a diverse cure. Nonostante ciò non si era fatto fermare, ed era tornato quasi da subito su Rai1 con un grosso sorriso, tanta positività e voglia di continuare a fare il suo mestiere. Aveva compiuto 60 anni lo scorso 5 febbraio, ed era felice di aver raggiunto questo traguardo, nonostante la sua lotta non fosse ancora finita.

Pubblicità

Per il conduttore la famiglia e il lavoro erano letteralmente la sua vita. Aveva infatti cominciato da giovanissimo la sua carriera nelle radio e nelle televisioni private, approdando in Rai nel 1980, dove sarebbe rimasto per tutta la sua carriera, rendendosi popolare per la sua bontà, la sua ironia e la sua intelligenza.

Padre di famiglia, celebre e amato conduttore, ma soprattutto uomo da sempre solidale. Ha infatti condotto per anni “La partita del cuore” e nello stesso periodo ha donato il midollo.

Proprio come dice ora il caro amico Carlo Conti, Fabrizio Frizzi è il fratello che milioni di italiani avrebbero voluto avere.

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi