Nella tana del Khimki, l’Olimpia Milano cerca l’impresa in EuroLeague

Nella tana del Khimki, l’Olimpia Milano cerca l’impresa in EuroLeague

0

olimpia-1-324x179 Nella tana del Khimki, l'Olimpia Milano cerca l'impresa in EuroLeague Basket Sport

Milano – La seconda trasferta stagionale a Mosca comincia alle 10.15 al Mediolanum Forum con l’ultimo allenamento prima della partenza. E’ la seconda volta che l’Olimpia gioca in trasferta contro il Khimki che nei tre precedenti storici non è mai stato sconfitto. Sono 12 i giocatori volati verso Mosca. Jordan Theodore è rimasto a Milano a curare la caviglia sinistra offesa, con l’obiettivo di tornare ad allenarsi con la squadra al rientro dalla doppia trasferta Mosca-Bologna. Mantas Kalnietis si è allenato con la squadra regolarmente ma è stato dispensato dal viaggio: anche lui si allenerà individualmente a Milano. Per una volta quindi il roster è fatto fin dalla partenza, nessuna decisione dopo il walk-through di domani.

Khimki squadra giovane e pericolosa..

Pubblicità

Il Khimki è una squadra “giovane” nel senso che è stato fondato appena nel 1997. Gioca a Mosca-Oblast, una sorta di distretto della capitale, nella zona nord-occidentale della metropoli che si estende per circa 40 chilometri quadrati. Oblast significa letteralmente vicino, attorno. Da quest’anno gioca le partite interne alla Mytishchi Arena, circa cinque chilometri fuori dai confini di Mosca, 7.280 spettatori di capienza nell’assetto da basket. Venne costruita nel 2005, ha ospitato un Mondiale di hockey su ghiaccio ma solo da quest’anno ospita il Khimki in EuroLeague. Dista circa 800 metri dal Lecco Hotel dove ha preso alloggio la squadra. Tecnicamente dovrebbe essere un hotel italiano, in realtà ovviamente ha solo il nome, di italiano.

Gianluca Drammis
Giornalista pubblicista dal 2015: innamorato dello sport ed in particolare del calcio. Ho lavorato per diverse testate televisive giornalistiche (Telenova, Telereporter e Sportitalia), sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Leggetemi, non ve ne pentirete!

Nessun commento

Rispondi