Cologno. Picchia violentemente la moglie. Arrestato il marito di origine tunisina

Cologno. Picchia violentemente la moglie. Arrestato il marito di origine tunisina

0

Cologno, uomo tunisino di 47 picchia violentemente la moglie e le fa sbattere la testa contro un muro. La donna, stanca dell'ennesima violenza subita allerta il 112. Il marito viene arrestato e trasferito nel carcere di Monza.

carabinieri-manette-324x216 - Cologno. Picchia violentemente la moglie. Arrestato il marito di origine tunisina  - Lombardia Prima Pagina Cologno, domenica 4 marzo, arrestato uomo di origine tunisina con l’accusa di gravi violenze sulla moglie.
L’ennesima violenza tra le mura domestiche si svolge a Cologno, i protagonisti sono un uomo tunisino di 47 anni, regolarmente residente in Italia, e sua moglie di 48 anni. L’uomo avrebbe violentemente picchiato la donna a seguito di motivi definiti dai carabinieri “futili”. Calci, pugni, spinte e scossoni, il tutto avvenuto sotto gli occhi terrorizzati della figlia di 15 anni. In un attimo di ira l’uomo si sarebbe avventato nei confronti della consorte con forza, facendole sbattere la testa contro il muro. Da qui la donna si sarebbe convinta ad allertare il 112 che avrebbe agito tempestivamente. L’uomo, tuttavia, non si è arreso facilmente, anzi ha assunto un atteggiamento ostile nei confronti dei carabinieri, che infine sono riusciti ad arrestarlo e a portarlo nel carcere di Monza. La donna, è stata accompagnata al pronto soccorso dove è stata visitata dai medici ed è stata poi dimessa con prognosi di 7 giorni per i traumi subiti, tra cui contusioni ed ecchimosi su tutto il corpo. Le violenze sarebbero cominciate circa un anno fa, ma non sono mai state denunciate né dalla donna né dai parenti.

L’amore è altro

E’ questa purtroppo la principale causa delle violenze sulle donne: il non voler parlare per paura, per la convinzione che ogni volta sarà l’ultima, ma non è mai così. L’amore non è violenza, non è cattiveria, non è gelosia. L’amore è altro, molto altro.

 

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi