Dove finisce il tuo trattore? Smontato e usato come pezzi di ricambio...

Dove finisce il tuo trattore? Smontato e usato come pezzi di ricambio in Nord Africa

0

furto-324x152 - Dove finisce il tuo trattore? Smontato e usato come pezzi di ricambio in Nord Africa  - Lombardia Prima Pagina 7 persone, 5 egiziani e 2 italiani tra i 31 e i 56 anni di età,  sono state arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni per furto, ricettazione e riciclaggio di automezzi. Secondo quanto appurato dalle indagini,il gruppo aveva organizzato una banda specializzata in furti di mezzi di lavoro, come autocarri, ruspe, trattori, schiacciasassi e altre attrezzature, che poi smontavano e inviavano in nord Africa, per essere utilizzati come pezzi di ricambio. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile sono arrivati a scoprire il traffico dopo il furto di un autocarro nell’agosto 2016 ai danni di una ditta di Sesto San Giovanni. Il furto era stato ripreso dal sistema di videosorveglianza e, sempre seguendo le tracce delle telecamere lungo le strade della città,  si era riusciti a scoprire che l’autocarro era sempre seguito da una automobile scura. La targa dell’auto è stata ripresa mentre entrava in autostrada al casello di Monza. Proseguendo nelle indagini si è scoperto che l’auto era in uso ad una cerchia di persone con precedenti per furto.

Un traffico di pezzi di ricambio per il Nord Africa

Alcune intercettazioni telefoniche hanno permesso di chiudere il cerchio e di individuare i membri della banda che usavano due capannoni per lo smontaggio dei veicoli. Uno a Milano e uno a Calcinato, in provincia di Brescia. Altri 2 egiziani e 1 italiano erano stati arrestati in flagranza di reato nelle scorse settimane. Gli egiziani erano stati sorpresi dai carabinieri mentre smontavano dei veicoli rubati, e l’ italiano per aver speso banconote false. Un terzo italiano, titolare di uno dei capannoni, è stato denunciato in stato di libertà per ricettazione. Attualmente gli arrestati sono a disposizione della giustizia nel carcere di Monza, in attesa del processo.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente, sul giornalino della parrocchia, l'Urlo. Tra il 1977 e il 1982 circa ho lavorato in una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Da 17 anni sono uno degli speaker radiofonici della più bella delle radio milanesi, RPL. Ho collaborato con quotidiani e settimanali, occupandomi di tutto, dalla cronaca allo sport. Come Web Content Specialist seguo blog e testate giornalistiche online. Ora mi occupo della redazione di Zoom Milano.

Nessun commento

Rispondi