Milan questa sera la Samp: Quagliarella e Zapata pericoli numero uno

Milan questa sera la Samp: Quagliarella e Zapata pericoli numero uno

0

img_3053-324x214 Milan questa sera la Samp: Quagliarella e Zapata pericoli numero uno Calcio Sport   Milano-Questa sera a San Siro arriva una Samp che all’andata, grazie ai goal di Ricky Álvarez e Duvan Zapata, vinse per 2-0 una gara che condannò il Milan di Montella.

Una gara da cui imparare

Pubblicità

Il Milan giocò con la difesa a tre quella gara: con Zapata Christian messo in marcatura sul cugino blucerchiato che puntualmente lo mise in ridicolo. La sconfitta del Milan in quel di Marassi consegnò alla Sampdoria quei tre punti che ora dividono le due squadre in classifica, rispettivamente Samp a 41 e Milan a 38: un girone dopo è ancora Milan – Sampdoria.

Cambio di prospettiva

Dopo quella sconfitta il Milan di Montella si arrabattò per altri due mesi scivolando sempre più in basso in classifica fino a toccare l’undicesima posizione che costò la panchina all’allenatore campano. Se è inutile ripetere l’escalation che Gattuso sta vivendo in questi ultimi mesi con il suo Milan, non è banale parlare dei numeri con i quali i rossoneri si avvicinano a questa sfida.
Sette goal fatti e zero subiti nelle ultime due gare in trasferta, con un solo tiro verso la porta di Donnarumma, settimo posto in campionato figlio di sei risultati utili consecutivi ottenuti dal pareggio di Firenze alla vittoria di Ferrara, e un attacco che grazie a Cutrone ha iniziato nuovamente a carburare.

Incroci pericolosi

Ma non bastano questi numeri a far partire il Milan tranquillo alla volta di San Siro. La Sampdoria di Giampaolo ha giocato per la prima parte di campionato uno dei calci più belli in Italia, dinamico e sopratutto finalizzato grazie al ritrovato Quagliarella. Con risultati altalenanti nei mesi di dicembre e gennaio, nell’ultimo periodo è tornata a splendere grazie ad una bella vittoria ottenuta contro il Verona.

Pericolo pubblico numero uno

Se Duvan Zapata con i suoi 7 goal e 4 assist in venti partite sarà sicuramente da tenere d’occhio, il vero e proprio pericolo per i rossoneri indossa la maglia numero 27 e risponde all’anagrafe come Fabio Quagliarella.
L’attaccante di Castellammare ha collezionato fin qui 17 goal e 5 assist, diventando il più importante finalizzatore del gioco di Giampaolo e principale interprete dell’attacco doriano. A 35 anni appena compiuti, Fabio Quagliarella sta vivendo una delle sue migliori stagioni all’ombra della lanterna e non ha intenzione di fermarsi qui.

Esame di maturità

Dopo la vittoria contro il Ludogorets conseguita in scioltezza, la gara contro la Sampdoria sarà un vero e proprio esame per il Milan di Gattuso. I rossoneri, reduci da nove risultati utili consecutivi in tutte le competizioni, con una vittoria aggancerebbero la Sampdoria al sesto posto e si imporrebbero come fattore nel campionato che finora li ha visti lontani dalle zone di vertice. Non resta che aspettare, con Cutrone che scalpita in attesa di scendere nuovamente in campo.

Probabili formazioni

Milan: 4-3-3
Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Locatelli, Biglia, Bonaventura; Suso, Cutrone, Calhanoglu.

Sampdoria: 4-3-1-2
Viviano; Bereszynski, Silvestre, G. Ferrari, Murru; Barreto, Torreira, Linetty; Ramirez; Quagliarella, Zapata.

Simone Mannarino

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi