Urania Milano, altra partita importante contro Libertas Livorno

Urania Milano, altra partita importante contro Libertas Livorno

0

urania-324x324 Urania Milano, altra partita importante contro Libertas Livorno Basket Sport

Milano – Terzo appuntamento della settimana per Super Flavor, che dopo la deludente trasferta di Montecatini, ritrova il Pala Iseo per affrontare la Libertas Livorno, fanalino di coda del girone A.

Massima attenzione per l’Urania basket

Partita da giocare con la massima attenzione, perché i labronici in rottura prolungata da 22 turni, complice il rinnovato assetto nel roster, stanno fornendo prestazioni ben diverse da quelle offerte nel girone di andata.

Livorno diversa, Urania costretta al massimo..

Dopo aver messo fuori squadra gli innesti inseriti durante la campagna estiva e dopo aver giocato a lungo con una formazione molto giovane, da gennaio Livorno si presenta alla palla a due con un potenziale decisamente differente.

0V e 22P, non devono far pensare ad un match da sottovalutare, perché nelle ultime quattro gare, i toscani hanno ceduto le armi solo nei minuti finali, terminando gli incontri sempre al di sotto della doppia cifra di svantaggio, tranne che con Omegna. Contro la capolista, alla 20a giornata, hanno condotto dalla palla a due fino al 26’, chiudendo i primi 30’ sotto di 4, per poi concedere la doppia cifra di vantaggio solo al 35’.

All’andata fu facile, ma occhio ai labronici

Il match di andata, che vide la vittoria di Urania per 68-86, fu un match facile per il risultato, ma problematico per il roster. Agli assenti Paleari e Ferrarese, si aggiunse anche l’infortunio di Laudoni nel corso del secondo quarto. La panchina milanese però, sopperì al momento di difficoltà, contribuendo alla vittoria finale con ben 31 punti segnati e con un Luca Albique in grade spolvero, che si guadagnò il titolo di MVP (Albique 10, Menezes 13, Scroccaro 6, Sedazzari 2).

Negri il migliore all’andata: Urania bene!

Top scorer dell’incontro Andrea Negri, con 21pti (3/8 2P, 5/11 3P) e 4 rimbalzi in 39’.

Proprio Negri però, sarà l’assente di turno nel match di ritorno. Durante la partita di mercoledì sera, “Shaggy” ha subito un trauma al ginocchio (nelle prossime ore conosceremo l’entità). Alla vigilia della fondamentale trasferta di Firenze e l’imminente scontro con la capolista, questa assenza è una brutta tegola per Coach Villa, che dall’inizio dell’anno deve fare i conti con gli infortuni.

Oltre alle “sublimi” doti offensive, la guardia di Lecco, è certamente una pedina fondamentale sul versante difensivo, a cui viene quasi sempre affidato “l’osservato speciale” di turno.

Procede invece a buon ritmo l’inserimento del “marines” Sergio, che nelle quattro gare disputate, ha dimostrato di entrare sempre di più negli schemi tattici difensivi.

In crescita anche il rendimento di Laudoni, che dopo lo stop di quattro giornate, nel primo quarto di mercoledì ha fatto rivedere il giocatore esuberante, visto nel girone di andata.

La Libertas Livorno, società con un trascorso di primissimo rango (finalista scudetto serie A vs Olimpia nel 1989), neo promossa nel campionato di serie B, ha affidato la gestione tecnica a Coach Gabriele Pardini.

Rispetto al roster di andata, sono stati inseriti due giocatori di grande esperienza sotto le plance.

Il primo, è l’ex-azzurro Roberto Chiacig (1974), che con la Nazionale maggiore, ha disputato 185 presenze con 1.500 punti realizzati, conquistando due titoli europei (oro, bronzo) e una medaglia olimpica (argento) ad Atene nel 2004. Quasi 400 presenze in serie A, con oltre 3.000 punti realizzati. Centro di 210 cm, dal suo arrivo, sta viaggiando a 11.3 ppg e 8 rimbalzi in 34’.

Il secondo è Mattia Soloperto, centro di 210 cm classe 1980. Il lungo nato in provincia di Ferrara, è cresciuto nel settore giovanile della Fortitudo Bologna, con la quale debutta in serie A nel 1999. Dopo aver militato in diverse formazioni di LegaDue (Ferrare, Imola, Reggio Calabria, Montecatini, Latina), torna in serie A ad Avellino nel 2011. Nel 2014 lo ricordiamo avversario con Orzinuovi, prima di tornare nella sua Ferrara, dove disputa le ultime due stagioni in Legadue.

Dal suo arrivo in maglia livornese, ha disputato sei incontri, realizzando 13.3 ppg con il 48% da 2P e l’aggiunta di 11.3 rimbalzi.

Concludono il quintetto il playmaker Fabio Bastoni (’88) 6.6 ppg (46% 2P) in 29’ e gli esterni Andrea Giampaoli (’90) 12.9 ppg (36% 3P) in 35’ e Daniele Mastrangelo (’91) 17.2 ppg (49% 2P) in 37’.

Dalla panchina spicca l’ala Gianluca Giorgi (’95), che all’andata realizzò 25 punti, che viaggia a 11.2 ppg  (57% da 2P) in  24’.

Chiude il roster la guardia Giuseppe Varotta (’97) 6.6 ppg in 15’, l’ala Vincenti Okon (’97) 1.5 ppg in 7’, la guardia Vladimir Vukoja (2000) 0.3 ppg in 7’ ed il centro Alessandro Ciampaglia (’96) 7.1 ppg in 21’.

Gianluca Drammis
Giornalista pubblicista dal 2015: innamorato dello sport ed in particolare del calcio. Ho lavorato per diverse testate televisive giornalistiche (Telenova, Telereporter e Sportitalia), sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Leggetemi, non ve ne pentirete!

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi