Inter-Roma: le considerazioni post partita del nostro inviato, Armando Garofalo

Inter-Roma: le considerazioni post partita del nostro inviato, Armando Garofalo

0

crotoneinternet-324x174 Inter-Roma: le considerazioni post partita del nostro inviato, Armando Garofalo Calcio Sport

Milano – Qualche ora dopo l’arrivo a Malpensa del nuovo acquisto nerazzurro Rafinha, è andata in scena la sfida per un posto in Champions fra Inter e Roma. La partita si è conclusa con un pareggio. Il posticipo domenicale ha fugato qualche dubbio sulle condizioni di entrambe le compagini, lasciando peraltro aperta qualche ferita non ancora pienamente rimarginata. Ambedue hanno presentato una condizione mentale non ottimale. La pausa sembra non essere servita per ricaricare le batterie e ritrovare le certezze perse per strada nelle ultime settimane.

Primo tempo di marca Roma, Inter ko

Ad inizio partita entrambe le squadre sembravano aver approcciato senza particolare convinzione. A partire meglio è la Roma che ha trovato nelle incertezze in fase di uscita del pallone targate Gagliardini la possibilità di pressare alto e trovarsi immediatamente in zona gol.

Il gol di El Shaarawy fredda l’Inter

Nonostante una fase di pressing alto ed un timido predominio territoriale nei primi 45”, l’azione che porterà al gol di El Shaarawy si svilupperà direttamente da calcio di fondo di Alisson che, complice l’errore clamoroso di Santon il quale, nell’intenzione di appoggiare ad Handanovic di testa, manca il contatto con il pallone, spianando la strada per il faraone che insacca con un delizioso tocco sotto.

Alisson decisivo

Nel secondo tempo Spalletti decide immediatamente di sostituire Gagliardini per Brozovic spostando B. Valero sulla mediana per favorire una migliore fase di uscita del pallone dal basso ed eludere il pressing alto della squadra avversaria. I risultati sono immediatamente visibili. La Roma si abbassa. Con il passare dei minuti la compagine nerazzurra acquista fiducia e le occasioni non stentano ad arrivare.

La strada per l’Inter è sempre sbarrata

Icardi in più di un’occasione si trova nelle condizioni di battere a rete agevolmente ma si presenta un super Alisson a sbarrargli la strada.
Il portiere brasiliano si trasforma in Superman quando prima neutralizza una semi rovesciata dell’argentino che viene deviata sul palo e subito dopo, respinge in calcio d’angolo un rigore un movimento proprio del capitano nerazzurro.
L’estremo difensore della Roma nulla potrà invece sull’inserimento di Matias Vecino che a quattro minuti dallo scadere trova il meritato pareggio.

Uno sguardo al futuro

Se la Roma dovrebbe leggere il pareggio di ieri come un risultato che, lungi dal predominio territoriale espresso nel primo tempo, ha messo in evidenza alcune lacune relativamente alla scarsa ampiezza in zona offensiva della rosa, oltre alla precarietà di rendimento di alcuni giocatori, l’Inter può ripartire con il ritmo mentale manifestato nei secondi 45 minuti.
Oltretutto, l’immediato inserimento di Brozovic in mezzo al campo nel secondo tempo, tenuto conto della scarsa continuità con cui il croato affronta la stagione, potrebbero portare alla conclusione che Rafinha si ritaglierà immediatamente degli spazi nell’undici titolare. Nella lotta al quarto posto l’Inter sembra aver fatto un passo in avanti maggiore rispetto alla Roma ed appare la più accreditata per un posto nell’Europa che conta.
Di Armando Garofalo
Gianluca Drammis
Giornalista pubblicista dal 2015: innamorato dello sport ed in particolare del calcio. Ho lavorato per diverse testate televisive giornalistiche (Telenova, Telereporter e Sportitalia), sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Leggetemi, non ve ne pentirete!

Nessun commento

Rispondi