Doppio Kessiè rimonta Barella: il Milan vola a Cagliari grazie al suo...

Doppio Kessiè rimonta Barella: il Milan vola a Cagliari grazie al suo carrarmato

0

img_2409-324x302 Doppio Kessiè rimonta Barella: il Milan vola a Cagliari grazie al suo carrarmato Calcio Sport   Milano-Kessiè risveglia un Milan intorpidito alla Sardegna Arena. Al cospetto di un Cagliari in forma smagliante, l’ivoriano regala in sei minuti i due goal che valgono tre punti per i rossoneri.

Pubblicità

Cagliari-Milan 1-2 (Barella 8’ ; Kessiè 36’, 42’)

La partita

Nemmeno il tempo di scaldare i guanti che Barella fulmina con un destro all’angolino il numero novantanove rossonero. Un tiro non irresistibile che esce veloce dalla selva di gambe in area di rigore e che beffa Donnarumma non immediato nella risposta.
Succede tutto nel primo tempo: il goal sembra non tangere più di tanto i rossoneri che riprendono le operazioni in direzione della porta di Cragno. Prima Kessiè si esibisce in un sinistro potente che il portiere del Cagliari sventa con un volo plastico mandando in calcio d’angolo, in seguito Kalinic si fa murare due tiri dal portiere rossoblù, il migliore dei suoi. Il Cagliari si riaffaccia una seconda volta dalle parti di Donnarumma ma il portierone rossonero si riscatta salvando su tiro a botta sicura di Farías.

La svolta avviene al 35’: Ceppitelli commette fallo su Kalinic in area di rigore, sul dischetto si presenta Kessiè che spiazza Cragno e segna l’1-1 per il Milan.
Al 42’ la pressione rossonera diventa effettiva: quando il tiro di Calabria viene respinto da un difensore, il pallone, giunto tra i piedi di Kalinic, viene appoggiato all’indietro dove arriva Kessiè che indisturbato batte Cragno da centro area. È rimonta completata per il Milan che corona la grande prestazione del primo tempo.

Il secondo tempo

Il secondo tempo, tolte le espulsioni di Rodriguez e Barella entrambe per somma di ammonizioni, è da segnalare per il miracolo di Donnarumma su Pavoletti e per quello di Cragno su Bonaventura. La gara si conclude con la seconda vittoria consecutiva rossonera, la prima in rimonta di questa stagione.

Le parole di Gattuso

Un Gattuso senza voce si presenta ai microfoni di Sky sport contento per il risultato ma crucciato per alcuni cali di tensione:
Dobbiamo migliorare tanto sulla balistica, sulla finalizzazione: creiamo tanto ma sicuramente raccogliamo poco. Ripeto però che ultimamente le prestazioni della squadra mi piacciono molto. Ora pensiamo a lavorare perché avremo quaranta giorni veramente difficili.

Appunto su Kessiè, celebrato dopo i due goal di Cagliari:
Kessiè è nettamente più forte di me di quando giocavo, ha sette o otto goal a stagione nelle gambe come mezz’ala.

E Gattuso ha ragione: i prossimi quaranta giorni vedranno il Milan affrontare la Lazio tre volte, di cui due in coppa Italia, la Roma e l’andata dei sedicesimi di Europa League contro il Ludogorets. Per arrivare al derby del 4 marzo dopo le gare contro Sampdoria, Spal e Udinese. Non un cammino semplice quello che aspetta i rossoneri, pronti però a ribaltare i risultati dell’andata e puntare a risalire la classifica.

Le pagelle

I migliori

Kessiè: 8
Due goal, di cui uno su rigore. E poi tanta corsa, carattere e un assist sfiorato per Kalinic. Il carrarmato è tornato.

Kalinic: 6,5
Puro incoraggiamento questi novanta minuti in cui ha regalato un assist, conquistato un rigore e protetto tanti palloni. Il goal fallito però pesa come un macigno.

e i peggiori

Donnarumma: 5,5
Il salvataggio su Farías è da cineteca ma il goal di Barella è tutto suo. Si riscatta con l’uscita su Pavoletti e conduce una gara tranquilla dopo l’errore in avvio.

L’allenatore

Gattuso: 6,5
Cambia poco o nulla, tira dritto con il suo 4-3-3 e ottiene la seconda vittoria consecutiva e il terzo risultato utile contando il pareggio di Firenze. Se ci aggiungiamo la vittoria nel derby di Coppa Italia, pare che abbia trovato la quadra per il suo Milan. Ora sotto con la Lazio.

Simone Mannarino

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del Giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale, collabora con NumeroDiez e ZoomMilano tra un viaggio e l'altro.

Nessun commento

Rispondi