La Guardia di Finanza irrompe nel Como Calcio

La Guardia di Finanza irrompe nel Como Calcio

0

Il como calcio
In data 09.01.2018, nell’ambito dell’inchiesta relativa al fallimento della Calcio Como s.r.l., è stata data esecuzione ad un ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di Piero Porro, presidente del cda ed amministratore del “CALCIO COMO SRL” dal 26.11.2012, fino al 21.07.2016, data del fallimento, e di Falvio Foti, in qualità di vice presidente della medesima, carica ricoperta anch’egli dal 26.11.2012 fino alla data del fallimento.

Le accuse della procura

Le accuse rivolte agli indagati sono quelle di bancarotta per distrazione e dissipazione ex art. 216 L.F. perpetrati attraverso la vendita da parte della COMO CALCIO srl dell’impianto immobiliare “Centro Sportivo Mario Beretta” alla propria controllante S3C, successivamente alla costituzione in favore di quest’ultima da parte della COMO CALCIO, di un’ipoteca volontaria a garanzia di un credito che quest’ultima aveva contratto con la banca BCC di Alzate Brianza.

Attivitá di diistrazione e dissipazione

L’attività distrattiva e dissipativa accertata dalla Procura sarebbe consistita in condotte tendenti alla protrazione dell’attività della srl dopo aver azzerato il patrimonio sociale ed omettendo di adottare i provvedimenti di ripianamento delle perdite, nonostante la sussistenza di uno stato di insolvenza conclamato e la presenza di debiti di ingente consistenza.
A queste si aggiungono, secondo la procura, mancati pagamenti nei confronti dell’erario oltre che la dissimulazione della perdita totale del patrimonio attraverso diverse operazioni contabili e di bilancio.

Quante luci e quante ombre in societá?

La presunzione di innocenza, così come ricordato dalla stessa procura, è principio ineluttabile di civiltà nello stato di diritto moderno. Pertanto, giudizi preventivi sarebbero totalmente inopportuni.
Nondimeno tali accuse sono indiscutibilmente gravi e la società COMO CALCIO rischia di essere investita da un ulteriore uragano giudiziario e mediatico che inevitabilmente rischia di ripercuotersi nell’ambito sportivo nell’accezione più stretta.
La Como calcistica non riesce a trovare la serenità che ricerca ormai da svariati anni.
Con la speranza per il COMO CALCIO di intravedere luci all’orizzonte, al momento le ombre sono decisamente più fitte.