Manifestazione vegan e risposta di un commerciante dei mercatini di Natale

Manifestazione vegan e risposta di un commerciante dei mercatini di Natale

DSCN10621 Manifestazione vegan e risposta di un commerciante dei mercatini di Natale Ambiente Costume e Società Fiere e mercati   Sabato 9 dicembre, l’associazione Iene vegane ha manifestato in Duomo e accanto alle bancarelle dei mercatini di Natale, mostrando immagini e video ai passanti nel tentativo di farli desistere dall’acquistare prodotti nostrani e artigianli che vengono solitamente venduti.
La risposta però non si è fatta attendere, così in una delle bancarelle prese di mira dal gruppo di fanatici dell’alimentazione sana, che poi tanto sana non è, se teniamo conto che la maggior parte dei prodotti vegan sono industriali e trattati chimicamente, e non sono esattamente a chilometro zero,  ha deciso si esporre un cartello molto semplice ma efficace, a dimostrazione che una sana alimentazione a base di prodotti che la natura ci offre, non solo fa diminuire l’aggressività, ma fa aumentare il senso dell’umorismo.

I Prodotti Vegan rispetto ai prodotti artigianali.

Vi sarà capitato di trovare nel vostro supermercato, un frigorifero o uno scompartimento dedicato ai prodotti vegani, tra questi prodotti possiamo trovare braciole, polpette, prosciutto, salame, ma tutto rigorosamente di origine vegetale. Ora, per trasformare della verdura in fette di salame, è logico supporre che un trattamento industriale sia stato utilizzato. Inoltre, prodotti come la quinoa provengono da Bolivia e Perù, non proprio a chilometro zero, diciamolo. Ma anche gli anacardi non si salvano, il 40% della produzione proviene dal Vietnam, il restante 60% in India. Inutile dire che in tutti questi casi, alla base della produzione c’è uno sfruttamento della forza lavoro per nulla rispettosa delle normali regole di mercato che i paesi occidentali impongono.

Come mangiare Sano ed equilibrato

Naturalmente, come per qualsiasi cosa, il consumo consapevole e controllato è il vero fattore che contraddistingue una dieta sana da un eccesso, sia in un verso, ovvero di chi consuma solo o predominantemente cibo spazzatura, sia nell’altro, cioè quando si trasforma in lotta di religione che porta ad un integralismo tale da imporre la propria visione del mondo a chi non ha nessuna voglia di sostituire una fetta di salame di puro suino, con un dischetto arancione che la moda vegan vorrebbe farci credere sia buona allo stesso modo.

Per chi vuole diventare vegano

Per chi però volesse diventare vegano, ricordiamo in una breve lista quali sono gli alimenti vietati da tale stile di vita: Carne di ogni genere e derivati, Pesce di qualsiasi genere e derivati, crostacei, conchiglie (cozze, vongole ecc.) qualsiasi Latte di origine animale,  formaggi di latte di origine animale,  uova, burro, miele e suoi derivati, prodotti vegetali di qualsiasi genere che sia stato coltivato con prodotti anti-parassitari per difedere tali culture da insetti e altre forme di vita che di esse di nutrono. Si sconsiglia fortemente l’adozione di animali domestici da parte di persone che adottano la filosofia vegan, in quanto cani e gatti sono animali onnivori e l’assenza di una dieta equlibrata potrebbe causare loro gravissimi problemi di salute. Ovviamente, anche borse, scarpe e prodotti in pelle, maglioni sciarpe e altri prodotti di lana e giubbotti imbottiti di penne d’oca sono vietati, così come la seta, dato che è un prodotto derivato dallo sfruttamento di altre forme di vita.

Le bancarelle di Natale in Duomo, in piazza Gae Aulenti e al Portello

Per tutti gli altri, consiglio vivamente di visitare i mercatini di Natale in Piazza del Duomo, in Piazza Gae Aulenti e al centro commerciale del Portello, dove oltre a salami al cinghiale e altri prodotti artigianali potrete trovare moltissime idee per gli acquisti di Natale.

 

Joni Preti
Appassionato di tutto quello che riguarda Milano, il suo passato, il suo presente e il suo futuro, amo tanto gli antichissimi siti e reperti archeologici, quanto i grattacieli e le nuove infrastrutture. Scrivo articoli e realizzo video sul mio canale youtube, anche in dialetto Milanese. https://www.facebook.com/jonivideomaker/

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi