Pianigiani carica l’ambiente Olimpia: “Dobbiamo rispondere alle critiche e crescere”

Pianigiani carica l’ambiente Olimpia: “Dobbiamo rispondere alle critiche e crescere”

0

Milano – L’Olimpia affronta il Khimki Mosca nel Round 11 di EuroLeague (giovedì 7 dicembre, ore 20.45). Simone Pianigiani così inquadra l’avversaria: “Come dice la classifica è una formazione eccellente che esprime una pallacanestro offensiva straordinaria, frutto di un compromesso tra la licenza di creare, “finire”, fare la differenza di Shved, il miglior realizzatore di EuroLeague e i tanti giocatori che hanno in grado di produrre di atletismo e atipicità, potendo schierare quintetti con lunghi che segnano da fuori, intercambiabili e proprio per questo difficili da fermare”.

Occhio alla difesa del Khimki…

Il Coach si sofferma anche sulle caratteristiche difensive del Khimki: “Taglia, atipicità e atletismo permettono loro di essere efficaci per larghi tratti di partita, o anche per tutta la gara, cambiando sistematicamente. Questo spesso mette in difficoltà le avversarie togliendo tante opzioni”.

Dobbiamo cambiare il nostro modo di giocare

“Di qui uno dei problemi che dovremo risolvere: nel nostro cambiare assetto ci troveremo di fronte ad una squadra che ci costringerà a fare cose diverse. Trovare ritmo e fluidità in attacco sarà fondamentale, fermo restando che come sempre per competere a questi livelli la nostra dovrà essere una difesa di alto livello che non dovrà deprimersi quando Shved avrà le sue fiammate per sé stesso o per i compagni.

I break saranno decisivi…

Dovremo rimanere lì, con fiducia, sapendo che poi ci saranno momenti in cui saremo noi a fare break. Loro hanno fiammate, i break li fanno sempre, ma starà a noi evitare che siano decisivi per poi rispondere con la stessa moneta”. L’obiettivo è quello di giocare alla pari come è quasi sempre successo finora: “Vogliamo rimanere attaccati alla partita e poi girarla a nostro favore. Ci stiamo abituando a giocare tante partite tirate: vorrei che questa fosse un’altra perché contro una squadra di alta classifica ci direbbe che stiamo progredendo. Dopodiché cercheremo di toglierci la soddisfazione di strappare la vittoria”.

Gianluca Drammis

Giornalista pubblicista dal 2015: innamorato dello sport ed in particolare del calcio. Ho lavorato per diverse testate televisive giornalistiche (Telenova, Telereporter e Sportitalia), sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Leggetemi, non ve ne pentirete!

Nessun commento

Rispondi