Milan è l’ora della verità! Da qui all’epifania partita per partita

Milan è l’ora della verità! Da qui all’epifania partita per partita

0

MILANO –

L’arrivo di Gattuso sulla panchina del Milan toglie ora alibi a tutti: alla dirigenza, che dovrà assumersi la responsabilità delle scelte in sede di mercato, e ai giocatori, che dovranno dimostrare di valere la maglia rossonera.

Domenica, con il Benevento, inizierà un ciclo di sette gare (di cui cinque di campionato, una di Europa League e una di Coppa Italia) che porteranno il Milan all’inizio del girone di ritorno all’epifania.
Un ciclo importante, fondamentale, per ripartire verso i piani alti della classifica e sopratutto dare dimostrazione del reale valore della squadra.

INIZIO AGEVOLE

La partita di domenica, complice un avversario in grave difficoltà, è considerata un morbido inizio per il Milan targato Ringhio Gattuso. L’allenatore ha subito avvertito l’ambiente: “Sono tutte finali di coppa del mondo, io non guardo la classifica”. Ma l’entusiasmo derivato da un cambio di panchina renderà più facile il compito del Milan.
La quinta partita del ciclo di sette vedrà poi la sfida al Verona (17-12): altra squadra in difficoltà, ma più complicata da affrontare del Benevento.

LE COPPE

Dopo Benevento il Milan chiuderà il girone di Europa League giovedì 7 dicembre, in Croazia contro il Rijeka: all’andata Cutrone aveva regalato la vittoria all’ultimo respiro mantenendo Montella sulla panchina rossonera. Ora la gara servirà a Gattuso per vedere in azione Andrè Silva, capocannoniere della competizione.

Il 13 dicembre toccherà alla Coppa Italia: il Verona, che poi verrà affrontato in campionato il 17, l’avversario. Un turno importante, sempre nell’ottica di una formazione di un modo di giocare da far attecchire subito.

PRENDERE IL VOLO

Il ciclo si completa con Bologna (10-12), Atalanta (23-12) e Fiorentina (30-12).
Tre gare contro avversarie che in classifica occupano attualmente la zona – Milan, tutte racchiuse dai 20 ai 18 punti.

Gattuso ha dichiarato di non guardare la classifica perché bisognerà giocare gara per gara con 72 punti a disposizione. Queste tre gare, unite alle due contro Benevento e Verona, saranno importanti per smarcarsi dalla zona d’ombra in cui versa il Milan in classifica e puntare alle zone nobili, dove si trovano gli obbiettivi rossoneri.
L’ultima gara, quella con la Fiorentina (la più attrezzata insieme all’Atalanta), sarà probabilmente il crocevia che ci dirà che cosa Gattuso sta dando a questo Milan.

La verità la dirà il campo, partendo ovviamente da domenica a Benevento.

Simone Mannarino

Laureando alla statale di Milano e aspirante giornalista ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale.

Nessun commento

Rispondi