Mobility dog gratuita al parco Alessandrini

Mobility dog gratuita al parco Alessandrini

mobilitydog-324x177 Mobility dog gratuita al parco Alessandrini Ambiente Costume e Società   Il cane è il migliore amico dell’uomo, ma ha anche le sue esigenze. Un cane felice è un giocherellone, ma solo pochi possono permettersi veri e propri allenamenti e di imparare a fare esercizio fisico con il proprio padrone. L’area cani permette ai cani, e soprattutto ai loro padroni, di socializzare condividendo l’interesse e l’affetto per il proprio cucciolo con chi li capisce, promuovendo la pace sociale. Ma al municipio 4 si è andati oltre e il presidente Paolo Bassi, insieme all’assessore al Verde e sicurezza Francesco Rocca, inaugureranno domani, sabato 11 novembre, alle 15, al parco Alessandrini,  la prima area cittadina di mobility dog completamente gratuita.

Pubblicità

Si tratta in effetti di aver attrezzato l’area cani con un dell’arredo urbano specifico. Un piccolo tunnel, qualche ostacolo basso da saltare, una rampa basculante, cerchi, slalom e altri giochi pensati per i cuccioli. Domani i rappresentanti delle associazioni cinofile presenti nel quartiere illustreranno il percorso, dando consigli e suggerimenti ai padroni dei cani e accompagnandoli nel circuito. Francesco Rocca lo ha definito “Un percorso divertente sia per gli animali che per i loro padroni.” aggiungendo poi che “Manufatti di questo tipo ci sono solo qui”. In effetti, non ricordo di aver mai visto a Milano, un vero e proprio parco giochi per cani e padroni comoe quello del parco Alessandrini.

Aggregazione contro il degrado

“Abbiamo voluto creare questo spazio per offrire qualcosa di nuovo, utile e divertente ai tanti proprietari di cani e appassionati cinofili del nostro territorio. Un intervento di arredo urbano, che ha anche lo scopo di accrescere l’offerta di questa area verde, per renderla più attrattiva e stimolare i cittadini alla sua frequentazione”.Paolo Bassi ha spiegato come il municipio 4 soffra di tanti problemi. L’assessore alla sicurezza ha anche fatto notare che “insistono ancora i problemi legati ai cosiddetti ‘mercatini’ di viale Puglie e alla presenza del CES di via Sacile, che esulano dalle nostre competenze, ma sui quali abbiamo più volte chiesto interventi al Comune centrale.” Una zona periferica, una di quelle che, secondo quanto detto anche oggi da altri esponenti del Carroccio, cui appartiene anche Paolo Bassi, è completamente abbandonata dal sindaco Beppe Sala e dall’amministrazione comunale.
“Nell’ambito delle nostre possibilità, abbiamo voluto fare qualcosa di bello e a suo modo ‘speciale’ per dare un segnale di presenza e riscatto del quartiere. Ci auguriamo sia di stimolo anche per Palazzo Marino”,ha concluso Paolo Bassi.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

Nessun commento

Rispondi