Le Sitcom americane. E alla fine arriva la mamma

Le Sitcom americane. E alla fine arriva la mamma

0

Se deve succedere, succederà. E la cosa bella, ragazzi, è che è successo. (Ted Mosby).
Le serie Tv, specialmente quelle Americane, sono tornate alla ribalta. Una delle più acclamate rimane “How i met your mother” ( E alla fine arriva mamma ) che troviamo facilmente su Netflix. Ma andiamo a capire il perché di tutto questo successo.

Con un totale di 208 episodi distribuiti in nove stagioni, How I Met Your Mother, nota anche con l’acronimo HIMYM o, in Italia, come “ E alla fine arriva mamma ”, è una sitcom statunitense creata da Craig Thomas e Carter Bays. La sigla di apertura è la parte finale della canzone Hey Beautiful dei The Solids, gruppo musicale di cui fanno i due.

La serie racconta le vicissitudini sociali e sentimentali dei cinque amici Ted, Marshall, Robin, Barney e Lily nella New York d’inizio III millennio. All’interno di una cornice narrativa ambientata nel futuro, la storia è infatti raccontata come un enorme flashback in cui Ted racconta ai suoi figli di come ha conosciuto la madre: la trama principale è costituita dalla ricerca, da parte di Ted, della tanto famigerata “Mamma”; accanto a lui si snodano le vicende dei giovani innamorati Marshall e Lily, del donnaiolo Barney e di Robin, molto più di un’amica per Ted.

Dalla vita reale alle vostre TV

Ispirata dall’idea di poter scrivere sui nostri amici e le cose stupide che abbiamo, la serie televisiva How I Met Your Mother nasce da un progetto di Carter Bays e Craig Thomas. I due ricalcarono la propria amicizia nella creazione dei personaggi della serie, con  Ted basato su Bays, e quelli di Marshall e Lily tratteggiati su Thomas e sua moglie. Un particolare aspetto di How I Met Your Mother, molto apprezzato dai fan, è l’inserimento di numerosi tie-in all’interno degli episodi. Nello specifico, i creatori della serie amano inventare numerosi siti web falsi che vengono poi puntualmente nominati nel corso degli episodi, generando un curioso fenomeno di marketing virale; Carter Bays e Craig Thomas hanno rivelato che ogni qual volta viene messo in linea un nuovo falso sito, questo va in crash in appena 15 minuti a causa dei troppi accessi. Il caso più famoso di tie-in nella sitcom è il “Barney’s Blog”, il blog di Barney Stinson periodicamente citato ed aggiornato dal personaggio, ospitato all’interno del sito della CBS. Sempre a Barney sono stati dedicati e pubblicati i libri “The Bro Code” e “Playbok”, contenenti: il primo le regole di vita del personaggio ed il secondo i suoi più grandi metodi di conquista.

Ma perché immergersi in questa sitcom?

How i met your mother, per quanto a tutti gli effetti una vera e propria serie tv americana quindi con i suoi pro ed i suoi contro, ci fa immergere a pieno nelle situazioni che si creano, ci fa sorridere e divertire, ci fa commuovere ma soprattutto ci fa sperare, perché parliamoci chiaro, chi di noi non ha mai aspettato o tutt’ora aspetta che da un momento all’altro possa arrivare la tanto cercata anima gemella, con un ombrello giallo e pronta per affrontare insieme il resto della vita. HIMYM ci insegna che non bisogna mai e poi mai perdere le speranze e bisogna sempre lottare fino in fondo per ciò in cui si crede perché siamo noi stessi a decidere cosa è davvero importante. Quindi se avete voglia di immergervi in tutto questo non dovete fare altro che iniziare a vedere la prima puntata e poi tutto verrà in automatico.
“It’s gonna be legen… (wait for it)… Dary”

Luca Radaelli

Mi chiamo Luca ho 25 anni ed ho cominciato facendo delle imitazioni nella radio locale del mio pase (Radio Rebelot del centro giovani di Locate di Triulzi) conducevo con amici un programma di calcio ma, ovviamente, in modo divertente mettendoci dentro anche esperienze personali e scenette con le mie imitazioni che comprendevano Valentino Rossi, Ibrahimovic, Mourinho, Ligabue, Enrico Ruggeri, Javier Zanetti, Max pezzali e Silvio Berlusconi.
Nel 2015,grazie ad un mio video, sono stato scelto per partecipare ad un evento della gara di Casting di Antonio Gallo alla tappa di Muggiò del giro d’Italia.
Ad inizio 2016 ho cominciato a collaborare per una web radio R102, per la quale conducevo un Morning Show 3 volte a settimana dalle 8 alle 10. In questo “GOOD MORNING R102” mi occupavo di storie e curiosità di Personaggi famosi, atleti, film, cantanti ecc e di scherzi telefonici che registravo in settimana per poi mandarli in diretta
Durante l’esperienza di R102 ho iniziato a collaborare anche con R23 MILANO, una web radio molto attiva sul suolo milanese tanto da convincermi a dedicarle tutte le mie attenzioni lasciando così R102. Per R23 ho condotto sempre un morning show dal nome “WAKE ME UP BEFORE YOU BOBO” Titolo che si ispira alla canzone “WAKE ME UP BEFORE YOU GOGO” che è anche la sigla. Il programma andava in onda 3 volte a settimana con due edizioni di due ore (Martedì e Giovedì dalle 10 alle 12) ed una di un’ora (Lunedì dalle 10 alle 11). Nella puntata di Lunedì mi occupavo di Calcio e sport dando risultati e notizie del week end, mentre nelle altre due puntate raccontavo notizie divertenti accompagnate da scenette ideate, fatte e montate interamente da me. Grazie al mio impegno per R23 sono arrivato a guadagnare la fiducia dello station manager che ha deciso di lasciarmi la libertà di organizzare eventi, parlare con comune e assessori per permessi ecc, di contattare chiunque sia interessato a noi e viceversa per poter organizzare qualcosa e ,soprattutto, selezionare, valutare e contattare gli ospiti per il programma di punta ovvero “COME VIENE VIENE” il mercoledì dalle 17 alle 19, programma che, grazie anche alla versione live streaming su facebook, mi ha dato grandi soddisfazione toccando le 20.000 visualizzazioni. Grazie a queste esperienze sono stato preso per qualche mese come collaboratore per una radio in FM “RADIO MILAN INTER” dove avevo il temporaneo ruolo di co conduttore per 3 volte a settimana affiancando Lapo De Carlo come opinionista sporivo. Ho cominciato anche a collaborare per RADIO PADANIA dove, affiancando il responsabile dello sport Graziano Campi, ci occupiamo delle notizie e dei risultati sportivi della settimana. Nell’ultimo periodo sono riuscito ad ottenere la fiducia di tutti e mi hanno affidato intere puntate da gestire da solo. Scrivo articoli di cinema per ZoomMilano