Giornata del FAI a Milano. Code lunghissime alla torre Hadid

Giornata del FAI a Milano. Code lunghissime alla torre Hadid

Era dai tempi di Expo e le code de Giappone che a Milano che non si vedeva così tanta gente in fila ad aspettare di poter vedere qualcosa di nuovo e innovativo che riguarda il futuro della nostra città.

Un fiume di persone

Pubblicità

L’incredibile numero di persone giunte per visitare la torre Hadid, nota anche come “lo storto”, di proprietà delle Assicurazioni Generali, sicuramente non era stata previsto per la giornata del FAI d’autunno, e questo ha causato innumerevoli disagi per la poca organizzazione. Per chi è arrivato presto ai piedi dei grattacieli che svettano dove un tempo aveva sede la Fiera campionaria di Milano, è stato possibile visitare la torre, mentre chi è arrivato attorno alle 12 o dopo, non ha potuto far altro che tornare indietro, dato che le lunghissime file erano state dichiarate chiuse, in quanto il fiume di persone che si era creato era smaltibile già ben oltre i tempi stabiliti, ovvero entro le 17. Molte sono state le lamentele, specie per chi pur essendo tesserato FAI si è visto negare la possibilità di visitare il grattacielo, ma alla fine le visite si sono svolte in un clima calmo e disteso. Va detto che, proprio a causa della poca organizzazione, alcune persone hanno approfittato di alcuni momenti in cui si stava cercando di ottimizzare la disorganizzata fila, per infilarsi e passare davanti a oltre la metà delle persone presenti.
Il fatto che potessero entrare solo gruppi di 30 persone, provenienti da due code diverse, una per i non iscritti al FAI, e una preferenziale per chi era iscritto, ha messo in difficoltà molti visitatori, in quanto i tempi di attesa sono da subito diventati nell’ordine delle ore, tanto che anche chi si è presentato un’ora prima dell’apertura delle visite ha dovuto attendere due ore in fila, oltre ovviamente all’ora di attesa per l’apertura prima di poter entrare.

Si può fare sicuramente di meglio

Come in tutti questi eventi è molto difficile organizzare i flussi di persone e prevederne l’affluenza, ma a mio parere, qualcosa in più si poteva fare, e si potrà sicuramente fare nelle prossime occasioni, che sicuramente non mancheranno visto il grande successo dell’iniziativa.
La visita guidata è invece stata molto interessante, sono state illustrate le diverse viste della città che già dal 19° piano regala visuali inedite di Milano, nonostante la foschia che si è formata in questi giorni a causa dello smog accumulatosi nell’aria a causa della poca pioggia.

Joni Preti
Appassionato di tutto quello che riguarda Milano, il suo passato, il suo presente e il suo futuro, amo tanto gli antichissimi siti e reperti archeologici, quanto i grattacieli e le nuove infrastrutture. Scrivo articoli e realizzo video sul mio canale youtube, anche in dialetto Milanese. https://www.facebook.com/jonivideomaker/

Nessun commento

Rispondi