Colpaccio dei carabinieri. Trovano il libro mastro dello spaccio

Colpaccio dei carabinieri. Trovano il libro mastro dello spaccio

I Carabinieri del Comando Provinciale di Milano stanno eseguendo in queste ore una vasta operazione antidroga, che vede coinvolta, oltre alla provincia di Milano, anche quelle di Varese e di Torino. Stanno arrestano e conducendo in carcere diverse persone. L’operazione finale di lunghi mesi di indagini condotte del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Legnano (MI). La professionalità dei carabinieri è stata aiutata da un colpo di fortuna. Durante gli ultimi mesi, mentre conducevano le indagini necessarie a bloccare il corposo traffico e spaccio di droga che si svolge nell’altomilanese, i carabinieri sono riusciti ad entrare in possesso del libro mastro di un fornitore degli spacciatori. In regime di partita doppia, sul libro mastro erano annotate con ordine tutte le movimentazioni di magazzino di cocaina, marijuana ed eroina. Dall’esame del registro, oltre a consegne, nomi e quantitativi, è stato possibile anche quantificare che durante i mesi delle indagini gli spacciatori avevano guadagnato ben due milioni di euro. Il libro mastro quindi ha fatto  risparmiare un sacco di tempo nell’individuazione dei responsabili del traffico. Nel video caricato su nostro canale youtube, alcuni momenti delle indagini. Alcune telecamere riprendono gli spacciatori mentre si scambiano denaro e droga nei pressi e all’interno del bar di via per Olcella a Villa Cortese. Qui, dalle 12 di ogni giorno fino a tarda serata stazionava uno spacciatore che arrivava a effettuare fino a 40 forniture al giorno.

Pubblicità

Durante le operazioni compiute questa mattina su ordine del G.I.P. del Tribunale di Busto Arsizio (VA), coordinate dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio, Dott. Gianluigi Fontana, sono finite in carcere 9 persone appartenenti a due diverse famiglie albanesi e 1 uomo italiano, tutti fra i 22 e i 54 anni di età, che effettuavano la loro attività di traffico e spaccio di stupefacenti nei comuni di Villa Cortese, San Giorgio su Legnano e nella città di Legnano. Ad esclusione del figlio più piccolo, tutti i componenti della famiglia albanese di Villa Cortese, padre madre e tre figli erano coinvolti nel traffico. Ciascuno aveva un compito diverso. Il loro fornitore era un’altra famiglia, sempre albanese, che si dedicava alla vendita di cocaina a San Giorgio su Legnano, San Vittore Olona, Legnano e Cerro Maggiore.Le operazioni di smantellamento della rete di traffico e spaccio sono ancora in corso  nella province di Varese, Milano e Torino. Gli arrestati ora si trovano nella Casa Circondariale di Busto Arsizio e nel carcere di San Vittore a Milano, in attesa del processo e relativa condanna.

 

Nessun commento

Rispondi