Milan, Montella: “Sarà una gara di transizione, diversa dall’Italia”

Milan, Montella: “Sarà una gara di transizione, diversa dall’Italia”

0

Milano – È un Montella risoluto e deciso quello che si affaccia alla conferenza stampa di presentazione dell’esordio in Europa League del nuovo Milan.

Risoluto nel sottolineare fin dalle prime domande come la questione non sia l’avversario di domani o il modulo con cui giocherà il Milan, quanto l’atteggiamento mentale della sua squadra.

La gara tra Milan e Austria Vienna

Alle domande sulla squadra di casa risponde pronto, sottolineando come sia una squadra organizzata, veloce e abile nei movimenti di interscambio delle posizioni.  “Sarà una gara di transizione, molto diversa dalle gare del campionato italiano” sottolinea concludendo sull’Austria Vienna.

Titolari e formazioni, ecco il Milan

Moltissime le domande sui giocatori: da Romagnoli (a cui verranno poste domande sul modulo e sulla situazione dello spogliatoio post-Lazio) a Kessiè, passando per Kalinic e Bonaventura.
Il tecnico rossonero conferma la brutta partita di domenica da parte di tutti i giocatori in rosa e sottolinea ancora una volta come dalla partita di domani si aspetti un cambio di mentalità e di atteggiamento. Una risposta mentale da parte di una squadra che deve decidere che parte giocare nello scacchiere di quest’anno.

Il girone e i proclami

“Il girone va passato, auspichiamo da primi in classifica, e poi si valuterà”
L’Europa League insomma non è una cartina tornasole per questo Milan. Una competizione importante, da onorare fino in fondo senza fare proclami. A proposito di proclami il mister si dice non toccato dagli attacchi che i media gli hanno riservato in questi giorni:
“È il modo in cui lavorano. Troppi gli elogi prima e troppe le critiche ora ma è il gioco delle parti.”

Romagnoli e la squadra

Alessio Romagnoli risponde agilmente parlando di una squadra carica e vogliosa di dimostrare quanto valga, e sul modulo afferma: “A tre ho giocato e sicuramente può essere un’opzione”. Un modulo che domani potrà essere molto più che un’opzione e chissà che non possa diventare una realtà vincente del Milan nuovamente Europeo.

Simone Mannarino 

Gianluca Drammis
Giornalista pubblicista dal 2015: innamorato dello sport ed in particolare del calcio. Ho lavorato per diverse testate televisive giornalistiche (Telenova, Telereporter e Sportitalia), sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Leggetemi, non ve ne pentirete!

Nessun commento

Rispondi