A passeggio con il cane tra i binari del tram

A passeggio con il cane tra i binari del tram


A Milano capita sempre più spesso, di notare tra i binari del tram, nelle sedi unicamente dedicate al passaggio dei mezzi su rotaia e che generalmente sono costituite di un manto erboso e siepi o alberi ai lati, persone che per pigrizia o per mancanza di tempo, portano a spasso il proprio cane in queste aree. Ovviamente il transito di persone in queste aree verdi non è consentito, ed è permesso l’attraversamento solo nei passaggi pedonali appositamente posizionati ad una debita distanza, e agli incroci stradali.

Pericolo per persone a animali

Mettere a rischio la propria incolumità è già di per sé una pratica abbastanza disdicevole, ma in questo caso si mette a rischio anche l’incolumità del proprio animale domestico, anche se tenuto al guinzaglio. Infatti, al passaggio dei tram, che in questi tratti vanno veloci proprio perché non vi è rischio di incontrare altri veicoli o persone, potrebbe succedere che il cane non voglia proprio saperne di spostarsi, oppure, che si spaventi, se poi sono due tram a passare contemporaneamente, il rischio è molto più elevato, dato che ai bordi non è prevista un’area per potersi tenere a debita distanza. In definitiva, se calpestare le aiuole dove è vietato è un comportamento irrispettoso del luogo in cui si vive, in questo caso possiamo tranquillamente dire che la mancanza di rispetto è anche verso se stessi, contro gli animali, e persino verso i passeggeri dei tram, infatti c’è sempre il rischio che il conducente del mezzo debba effettuare una frenata di emergenza per la presenza di una persona sul tratto di binari.

Il rispetto per l’ambiente vale anche in città

Nonostante in città ci siano numerose aree appositamente adibite per poter far passeggiare i propri animali da compagnia, aree dove essi possono facilmente interagire con i propri simili, espletare le normali funzioni fisiologiche che ovviamente vanno poi raccolte dai padroni che devono sempre essere muniti di palettina e sacchetti, per poi essere gettate negli appositi cestini, capita spesso di trovare tracce del passaggio di cani e relativi padroni sia sui marciapiedi, sia appunto in aree vedi dove non potrebbero entrare. In particolare, queste aree verdi, sono molto costose, sia per la realizzazione, sia per il mantenimento, e il continuo calpestio, che ovviamente non è previsto, dato che sono aree inibite al passaggio di persone, le deteriora fino al punto che il manto erboso non cresce più, arrecando così anche un danno difficilmente rimediabile.
Amare e rispettare gli animali vuole dire anche fare qualche sforzo in più per raggiungere la più vicina area cani, dato che a Milano queste di certo non mancano, o comunque in luoghi dove il transito è consentito, e dove è facile raccogliere gli escrementi del proprio cane per poi gettarli in un cestino della spazzatura.

Appassionato di tutto quello che riguarda Milano, il suo passato, il suo presente e il suo futuro, amo tanto gli antichissimi siti e reperti archeologici, quanto i grattacieli e le nuove infrastrutture. Scrivo articoli e realizzo video sul mio canale youtube, anche in dialetto Milanese. https://www.facebook.com/jonivideomaker/

Nessun commento

Rispondi