Klimt experience al Mudec, la mostra multisensoriale

Klimt experience al Mudec, la mostra multisensoriale

Un’esperienza immersiva di un’ora  fra immagini e musica trasporta il visitatore direttamente all’interno dell’arte di Gustav Klimt. La mostra dedicata al pittore austriaco è costituita da un percorso multimediale allestito nello spazio di una stanza, sfruttando pareti, pavimento e soffitto per permettere il totale coinvolgimento dello spettatore.  Sono proiettate settecento opere dell’artista, che appaiono in modo continuo in un flusso unico, in successione e smaterializzate in immagini tipiche ed evocative dell’arte di Klimt. La video installazione è corredata dall’aspetto sonoro: le musiche di Strauss, Mozart, Wagner, Lehár, Beethoven, Bach, Orff e Webern amplificano il coinvolgimento del visitatore che è così guidato attraverso le influenze musicali del pittore. Completano il quadro artistico della Vienna di fine 800 ed inizio 900 le fotografie d’epoca sulla vita di Klimt e la ricostruzione in 3D della città attraverso i luoghi simbolo, l’architettura innovativa, costumi e moda del periodo.

L’innovazione nell’arte

Questa nuova tipologia di trasmissione dell’arte, legata alle nuove tecnologie e distante dalla mostra tradizionale, crea un forte impatto visivo in modo che, attraverso i sensi, lo spettatore sia immerso dentro le opere stesse. Infatti macro-ingrandimenti dei dettagli dei dipinti consentono di comprendere meglio la tecnica pittorica e lo stile di Klimt. Senza dubbio tale forma comunicativa innovativa rivisita la fruizione delle opere d’arte puntando anche sull’effetto di meraviglia per aprirsi a un vasto pubblico di giovani e adulti, anche totalmente inesperti che in questo modo hanno l’occasione di approcciarsi ad un’icona dell’arte e, incuriosita, approfondirne la conoscenza. Inoltre l’installazione unisce tutta la produzione di Klimt, dagli esordi fino agli ultimi lavori, oltre che il contesto della secessione viennese.

L’installazione multisensoriale, ideata da Cross Media,  ha una definizione Full Hd, garantita dal sistema Matrix X-Dimension, progettato in esclusiva per questo evento: trenta proiettori laser trasmettono sui megaschermi oltre 40 milioni di pixel. Un ulteriore incentivo a visitare la mostra, allestita al Mudec fino a gennaio 2018, è il biglietto comprensivo di aperitivo, proposto tutti i giovedì sera dalle 19 alle 21 al bistrot del museo.

Nessun commento

Rispondi