Bollate. Tradito dal nervoso, spacciatore arrestato

Bollate. Tradito dal nervoso, spacciatore arrestato

A Bollate un trentenne albanese è stato fermato mentre alla guida della sua automobile, per un controllo di routine sulla strada. Non ha tentato di sfuggire al posto di blocco, ma durante le operazioni di controllo dei documenti aveva un comportamento particolarmente nervoso e insofferente. L’atteggiamento ha insospettito i carabinieri che hanno voluto andare più a fondo e hanno perquisito la sua automobile. Qunato vist è stato sufficiente per convincerli che era necessario controllare l’appartamento dell’uomo, e quindi lo hanno accompagnato a casa.
Ciò che hanno ritrovato nel su appartamento ha confermato i sospetti. I Carabinieri non hanno fatto fatica a scoprire dove erano tenuti 3 panetti di eroina, pesanti in tutto 1,5 kg, e il materiale necessario a confezionare le dosi.

Preparava le dosi con il frullatore da cucina

Pubblicità

In casa c’era anche un frullatore, di quelli da cucina, che è risultato utilizzato abitualmente per lavorare la droga. Per l’albanese è scattato l’arresto immediato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, Ma non è finita. Si è aggiunta anche l’accusa di ricettazione. Fra gli oggetti rinvenuti nell’appartamento c’erano anche 13 buoni postali del valore di oltre 15mila euro. Al controllo dei numeri di matrice, i buoni postali sono risultati essere parte del bottino di un furto compiuto lo scorso novembre in Brianza.

 

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

Nessun commento

Rispondi