Basket, Olimpia Milano: che rifondazione! Cinciarini si espone: “Torneremo grandi”

Basket, Olimpia Milano: che rifondazione! Cinciarini si espone: “Torneremo grandi”

0

Milano – Per mettere a disposizione del nuovo coach Simone Pianigiani ben 15 giocatori, di cui soltanto cinque sono italiani (Abass, Cinciarini, Fontecchio, Pascolo e probabimente La Torre), la dirigenza Olimpia Milano, nel silenzio totale, avrebbe speso tantissimi soldi.

Bruno Cerella sarà mandato in prestito per evitare di pagare il quinto. Verrà confermato Mantas Kalnietis, che ha ricevuto la convocazione al raduno ma sarà disponibile solo dopo la fine di Eurobasket 2017, mentre per Tarczewski si attenderà l’arrivo del passaporto polacco come da obbligo regolamentare per non doverlo tesserare come straniero. Probabile quintetto: Theodore, Goudelock, Micov, Jefferson, Young. Gli altri cestisti Olimpia Milano invece saranno: Bertans, Dragic, M’Baye.

Parla Cinciarini: “Torneremo grandi”

«La scorsa stagione è stata pesante» – ha affermato il capitano dell’Olimpia Milano – «Il fallimento non è aver fallito l’assalto allo scudetto o aver fatto una brutta Eurolega, che erano i nostri obiettivi principali. Il fallimento vero è non aver nemmeno provato a raddrizzare la stagione. È mancata la voglia di raddrizzarla ma posso promettere che non sarà più così». Non accusa nessuno: parla di «screzi» in maniera generica, evitando però di puntare il dito sulla gestione dello spogliatoio di Repesa che è finito in contrasto prima con Gentile e poi con Hickman e Sanders. Dedizione, lavoro e sacrificio: queste le caratteristiche che Cinciarini pretende dai compagni e che è certo verranno spese agli ordini di Pianigiani. «Ho avuto Pianigiani per cinque anni e a lui posso solo dire grazie perché mi ha fatto esordire in Nazionale».

Gianluca Drammis
Giornalista pubblicista dal 2015: innamorato dello sport ed in particolare del calcio. Ho lavorato per diverse testate televisive giornalistiche (Telenova, Telereporter e Sportitalia), sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Leggetemi, non ve ne pentirete!

Nessun commento

Rispondi