Bike. Flash mob di ciclisti con protesta a Palazzo Marino

Bike. Flash mob di ciclisti con protesta a Palazzo Marino

Dopo il recente incidente in cui è morto Franco Randone, nel pomeriggio del 10 luglio, i ciclisti di Milano hanno deciso di iniziare una protesta per ribellarsi alla possibilità di una limitazione della circolazione su due ruote. Dopo essersi organizzati tramite Facebook, in centinaia si sono recati prima sul luogo dell’incidente dello scorso lunedì. Qui hanno posato una ghost bike, una simbolica bicicletta donata a Franco Randone, perchè possa continuare a pedalare idealmente, anche dove è ora. Un momento di alta commozione, di quelli in cui anche i più duri versano qualche lacrima.

Flash mob. Ciclisti, tutti a terra

Poi, con un corteo che ha attraversato le strade dei Navigli, sono arrivati a Palazzo Marino. Davanti al portone della sede municipale, in piazza della Scala, hanno posato a terra le biciclette e vi ci si sono sdraiati sopra. Uno spettacolo sconvolgente. Le foto, pubblicate su bikeitalia.it, sembrano quelle di una strage di ciclisti. Dopo qualche minuto di flash mob, è avvenuto l’incontro, concordato in anticipo, con le istituzioni comunali e con l’assessore Gramelli. Una delegazione di ciclisti milanesi è entrata a palazzo Marino per discutere di sicurezza stradale con l’assessore.
infine, hanno ottenuto l’assicurazione che non vi saranno limitazioni alla circolazione dei velocipedi in città. Forse la cosa migliore sarebbe quella di investire in nuove piste ciclabili regolari, che completino, amplino e sostituiscano quelle fatte con il Fai da te” usato finora dall’organizzazione di ciclisti.

Ilaria Maria Preti
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente, sul giornalino della parrocchia, l'Urlo. Tra il 1977 e il 1982 circa ho lavorato in una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Da 16 anni sono uno degli speaker radiofonici della più bella delle radio milanesi. Ho collaborato con quotidiani e settimali, occupandomi di tutto, dalla cronaca allo sport. Come Web Content Specialist seguo blog e testate giornalistiche online. Ora mi occupo della redazione di Zoom Milano.

Nessun commento

Rispondi