Ballottaggi. I nuovi sindaci della provincia

Ballottaggi. I nuovi sindaci della provincia

0

elezioni-2-324x186 Ballottaggi. I nuovi sindaci della provincia Lombardia Prima Pagina   Nella provincia di Milano si è votato per i ballottaggi. Fino alle 23 del 25 giugno nei Comuni più grandi i cittadini si sono recati alle urne per completare il processo iniziato 15 giorni fa. Dove nessuna delle liste ha raggiunto il 50% dei voti si è scelto uno fra i due candidati sindaco che sono arrivati primi. Per i ballottaggi l’affluenza è generalmente molto più bassa di quella, già molto bassa, per il primo turno. Nei casi in cui la differenza fra le percentuali di voto raggiunte da primo e secondo candidato è molto ampia questo non sembra contare molto, ma dove la differenza è di pochi voti è importante convincere chi non ha votato al primo turno. Impresa molto difficile.

Le vittorie

Pubblicità

Il primo risultato ad arrivare, quasi in diretta, è quello di Legnano dove il candidato leghista, Gian Battista Fratus, è il nuovo sindaco. Con il sostegno della coalizione di centrodestra ha battuto il candidato del partito democratico e sindaco uscente, Alberto Centinaio.
Si è conclusa la competizione anche a Garbagnate Milanese dove la vittoria è arrivata a Daniele Davide Barletta (Lega Nord), che era partito in svantaggio rispetto al sindaco uscente, ha brillantemente recuperato e battuto l’avversario politico. E’ quindi stata la volta di Abbiategrasso dove Cesare Nai, grande favorito del centrodestra al primo turno, ha vinto sul fil di lana, per un centinaio di voti. Il ricompattamento della sinistra, che si era presentata divisa, non è comunque stata sufficiente a garantire la vittoria a Domenico Finiguerra. Vittoria per il centrodestra anche a Magenta, dove Chiara Calati ha battuto il candidato del Partito democratico, Gianmarco Invernizzi. A Buccinasco, cambio di tendenza. Rino Carmelo Pruiti, del partito democratico, ha battuto il candidato del centrodestra Niccolò Licata.

Il pd perde anche Sesto San Giovanni

E’ quasi la notizia del secolo. La caduta della Stalingrado d’Italia che passa dalle mani del Pd a quelle del centro destra, con un vantaggio di quasi il 20% dei voti. E’ una di quelle cose che si pensa non possano mai accadere e invece accadono. Monica Chittò, espressione della coalizione di centro sinistra, ha perso contro Roberto di Stefano, nuovo sindaco del centro destra. Per la prima volta dal dopoguerra Sesto San Giovani non sarà un comune di sinistra.

A Vimodrone la vittoria va ad una coalizione di liste civiche. Dario Veneroni ha vinto su Ilaria Chiaranda, espressione del centrodestra. Stesso caso anche a Melzo dove Antonio Fusè, a capo di una coalizione di liste civiche, ha vinto sul candidato del centro destra, Antonio Camerlengo. Il partito democratico la spunta anche a Cernusco sul Naviglio dove il suo candidato, Ermanno Zacchetti, vince sulla candidata del centro destra Paola Malcangio. Lo stesso a Melegnano. Vittoria al partito democratico con il sindaco Rodolfo Bertoli che batte la candidata del centrodestra, Rafaela Caputo.

Altro sindaco leghista a Senago, dove la giovane Magda Beretta, sostenuta dalla coalizione di centro destra vince su Lucio Fois, espressione del partito democratico. Di segno opposto la vittoria di San Donato Milanese. Il partito democratico, con Andrea Checchi che vince su Cesare Mannucci, candidato del centrodestra

Comuni e affluenze

Abbiategrasso (55,60% ), Buccinasco (55,22% ), Garbagnate milanese ( 50,20%), Legnano (52,36%), Magenta (59,39%), Melegnano (59,06%), Melzo (55,62%), San Donato Milanese (53,64% ), Senago (50,93% ), Sesto San Giovanni (50,92% ) e Vimodrone (53,92% ). Questo è l’elenco dei Comuni che hanno appena finito i ballottaggi. Fra parentesi la percentuale di votanti di ogni comune.

Nessun commento

Rispondi