Waze e 112. In Lombardia al servizio del pronto soccorso

Waze e 112. In Lombardia al servizio del pronto soccorso

0

areu-324x180 Waze e 112. In Lombardia al servizio del pronto soccorso Lombardia Prima Pagina   Più di un milione di persone in italia ha scaricato l’app Waze sul proprio smartphone Android, e quasi tutte sono concentrate in Lombardia. L’app è un navigatore satellitare collegato ad una serie di servizi cui partecipa la community degli automobilisti, che segnala in modo praticamente immediato le code, i lavori in corso, ma anche gli incidenti, benzinai. Le informazioni che l’app è in grado di dare agli automobilisti vanno molto oltre le semplici indicazioni stradali. Indica ristoranti, supermercati e altri esercizi commerciali e Waze è quello strumento che ha reso possibile la interconnettività delle automobili e degli automobilisti. Ora Waze è utilizzato anche dai mezzi di soccorso di Areu. La Lombardia, infatti, è la prima regione al mondo a utilizzare, all’interno una sala operativa dell’Emergenza Sanitaria, una piattaforma social per migliorare gli interventi di pronto soccorso. L’ Azienda Regionale Emergenza Urgenza della Lombardia è infatti stata selezionata insieme ad altre tre “test cities” (una in Austria e due in Francia) per partecipare a un progetto pilota lanciato in Europa da Waze ed EENA (European Emergency Number Association, il 112).

Collaborazione fra  Waze ed EENA, il Nue 112

Pubblicità

Lo scopo del progetto è migliorare il livello di sicurezza, migliorando i tempi di intervento dei mezzi di soccorso grazie all’ utilizzo da parte delle Sale operative del 118. Ci si è resi conto infatti che la rete degli automobilisti connessi a waze è così vasta e veloce che le segnalazioni di un incidente possono arrivare anche prima che al 118 giunga una chiamata d’emergenza. I metodi di interazione saranno duplici. Da una parte la Sala operativa può, attraverso la segnalazione a Waze, creare un alert per i cittadini che sono in prossimità dell’evento, consentendo di allontanarsi o cambiare strada. Dall’altra le segnalazioni degli utenti Waze costituire un preallerta che la Sala Operativa può ricevere anche prima della chiamata di soccorso. I test sulla piattaforma della app e nelle sale operative inizieranno prima di questa estate e faranno da apripista all uso intelligente dei social nel mondo dei soccorsi

 

 

Nessun commento

Rispondi