Educazione all’economia. L’arte di gestire casa e famiglia

Educazione all’economia. L’arte di gestire casa e famiglia

0

Soldi ed economia domestisca
Un tempo la chiamavano economia domestica ed era una materia obbligatoria nelle scuole dell’obbligo,insieme a musica, applicazioni tecniche ecc. sfogliando un vecchio libro di economia domestica degli anni ’70 e oltre a divertenti terminologie desuete ci sono parecchi spunti per riflettere. Questa materia dava suggerimenti su come scegliere il corredo della casa, come fare un buon uso degli impianti domestici, come organizzare la cucina e come rigovernarla, come distribuire e sistemare gli ambienti di casa. Il capitolo forte poi è quello dedicato all’ amministrazione dell’azienda familiare! Azienda! Si, azienda. La famiglia, infatti, è una piccola impresa e come tale deve essere gestita: ha un patrimonio da curare, un inventario da aggiornare, rendite, spese e bilancio da tenere sotto controllo, contratti da valutare, e documenti di pagamento, tasse e imposte da saldare. Elenchi e consigli su come organizzare e distribuire il lavoro domestico, con l’indicazione di una pianificazione settimanale e una mensile.

Argomenti attualissimi che nessuno più ci insegna!

Oggi, diamo per scontato che tutti ce la sappiamo cavare benissimo a gestire la casa e i suoi spazi, così solo per puro talento o passione personale. Nel tempo provvediamo a cercare  stratagemmi e metodi per raggiungere i nostri obbiettivi obiettivi, ma se qualcuno ce l’avesse insegnato avremmo risparmiato un sacco di tempo ed energie. L’organizzazione della casa va insegnata, a tutte le età, a uomini e donne, per permetterci  di imparare a gestire meglio gli spazi e le risorse famigliari, il proprio tempo e le proprie energie.

 26 Giugno il nuovo ciclo di incontro di economia personale

La partecipazione aperta a tutti. Per iscriversi inviare una e-mail a info@io-welfare.it. Gli incontri sono aperti a tutti e gratuiti, organizzati presso la Casa dei Diritti. Dal prossimo 26 giugno sarà possibile seguire il nuovo ciclo di lezioni del percorso “Io welfare” con la finalità di  acquisire maggiori competenze sui temi dell’ investimento, della protezione, dell’indebitamento e della pensione.

Gli incontri verteranno su argomenti come la solidità del proprio bilancio familiare, il rischio di alcuni investimenti e come fronteggiare gli imprevisti che potrebbero minare la propria stabilità economica. Si parlerà di come e quando acquistare immobili, di come sostenere le spese relative al proseguimento degli studi dei propri figli, di quali investimenti e quali accantonamenti scegliere in vista del futuro, anche in tema di previdenza sociale. Sarà infine possibile richiedere, a conclusione del ciclo di incontri, un accompagnamento individuale con un assistente per l’economia personale.

Per partecipare agli incontri

E’ necessario iscriversi inviando una mail a info@io-welfare.it. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Casa dei Diritti al numero 02/88441641.

Il corso é gratuito per i cittadini e prevede quattro incontri di due ore ciascuno, che si terranno presso la Casa dei Diritti, in via De Amicis 10, secondo il seguente calendario:
– 26 giugno 2017 dalle ore 18.00 alle ore 20.00
– 3 luglio 2017 dalle ore 18.00 alle ore 20.00
– 10 luglio 2017 dalle ore 18.00 alle ore 20.00
– 17 luglio 2017 dalle ore 18.00 alle ore 20.00

Ho 46 anni e due figli di circa vent'anni, mi sono trasferita dalla Sardegna a Milano negli anni ‘90. Ho svolto diverse attività lavorative che mi hanno portato ad avere un’ottima capacità comunicativa e un’ottima interazione con le persone che mi hanno conosciuto e lavorato con me. La mia formazione è prettamente umanistica e dopo anni di pausa, dovuta agli impegni famigliari, ho ripreso gli studi conseguendo i master in: Criminologia con indirizzo Anti-pedofilia , Stalking e atti persecutori,Diritto dell'Immigrazione e Mediazione Culturale. Attualmente, sto muovendo i primi passi nel mondo del giornalismo on line occupandomi della stesura di articoli per alcune testate dell’hinterland milanese.

Nessun commento

Rispondi