Ballando coi Rom, a Lambrate (video)

Ballando coi Rom, a Lambrate (video)

Esiste un luogo della memoria nel cuore della vecchia Lambrate dove sono a dimora alberi che ricordano i caduti dell’antico comune nella Grande Guerra. Nel 2005 l’amministrazione comunale, con l’allora Vicesindaco Riccardo De Corato e il vecchio Consiglio di Zona 3, installò delle targhe sui tronchi ancora oggi ben visibili in onore e in ricordo degli eventi passati.
Purtroppo da 5-6 anni questo luogo della memoria, situato in Viale delle Rimembranze a Lambrate, è purtroppo divenuto punto di riferimento per gente incivile.  Persone che trovano rifugio nelle tante aree ex industriali in disuso e che passano le giornate a bivaccare ed ubriacarsi proprio qui. Si tratta di stranieri, in prevalenza provenienti dai paesi dell’est Europa.

Pubblicità

Negli anni i cittadini hanno segnalato più volte a Comune e Forze dell’Ordine la situazione di degrado. Risse continue favorite dall’abuso dell’alcol, aree verdi ridotte a latrine, molestie nei confronti dei passanti. Una convivenza difficile per molti impossibile tra due mondi differenti, da una parte i residenti e dall’altra persone che vivono nell’emarginazione in cui vengono a trovarsi, spesso volontariamente decidendo di condurre una vita nell’illegalità.

La politica divisa sul da farsi

hqdefault-324x243 Ballando coi Rom, a Lambrate (video) Cronaca Milano Prima Pagina   In tutto questo tempo la politica si è divisa sul da farsi. Da una parte gli esponenti del cosiddetto “centro destra” hanno preso quest’area come un simbolo e paradigma dell’incapacità dell’amministrazione Giuliano Pisapia prima e Beppe Sala ora di perseguire una seria politica di lotta all’abusivismo e contrasto al degrado nelle periferie. Sul versante opposto il variegato mondo dell’associazionismo di “sinistra” porta avanti politiche di cosiddetta inclusione sociale che hanno avuto ben scarsi risultati.

Sabato 13 maggio si è tenuto nel giardino un evento dedicato ad illustrare i progetti avviati in alcune scuole frequentate da figli di Rom, promossi dalla Comunità di Sant’Egidio. Il tutto accompagnato da momenti di danza e musica curati dagli stessi rom. Organizzazione a cura di ViviLambrate, consorzio di associazioni locali formato da Acli Lambrate Algomas, Associazione Culturale Carmilla, Cag LambraTeam, ColorEsperanza, ComitatoxMilanoZ3, Fondazione ERIS, Laboratorio di democrazia partecipata, Made in Lambrate, Orti d’Azienda Onlus, Social Street Residenti in Lambrate, MIA – Milano Informata e Attiva (Z3xMi).

L’amministrazione cittadina era rappresentata dalla Presidente del Municipio 3 Caterina Antola, dal Presidente del Consiglio di Municipio 3 Vincenzo Casati (esponente anche del circolo Acli) e dall’ Assessore alla Felicità del Municipio 3 Luca Costamagna. Tutti e tre del Partito Democratico. L’ evento ha registrato un numero esiguo di partecipanti, sia tra i rom che tra i residenti, rappresentati pressoché unicamente dagli organizzatori.

L’intervista

In questa occasione abbiamo voluto intervistare Roberta Borsa portavoce di Lambrate Informa, sigla dietro la quale c’è una attivissima pagina Facebook e una rete di cittadini che non si arrendano al degrado, molto attiva anche nel collaborare con le Forze dell’Ordine per segnalare situazioni di illegalità e abusivismo.

Gianluca Boari
Laureato in Scienze Geologiche, appassionato anche di storia politica e modellismo

Nessun commento

Rispondi