Maroni interviene al “ V seminario italo russo”

Maroni interviene al “ V seminario italo russo”

0

maroni-nuova-300x200 Maroni interviene al  “ V seminario italo russo” Lombardia Prima Pagina   Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni partecipa oggi , giovedì 16 febbraio, al V Seminario italo russo “Italia-Russia: l’arte dell’innovazione”. In particolare, il presidente Maroni prenderà parte all’apertura del convegno “Il ruolo propulsivo della Russia nell’attuale contesto geopolitico ed economico internazionale”.
In altri termini, una discussione sulla forza che la Federazione russa ha e dimostra nel mondo e sul mondo.

Un seminario di grande attualità

Pubblicità

Questo seminario non è casuale. Cade in un periodo nel quale sono in discussione svariati equilibri geopolitici. Le sanzioni alla Russia hanno danneggiato la nostra economia intesa come stato, la regione Lombardia ha subito un danno pesantissimo. Dietro le accuse e i risentimenti nei confronti della Russia si cela una non conoscenza della storia di questo paese. Una non conoscenza del ruolo russo avuto nei confronti dei paesi confinanti e nei confronti del mondo.

Le sanzioni alla Russia

“Occorre togliere le sanzioni, che scadono il 31 luglio 2017, occorre quindi fare le elezioni a Giugno, vincerle e toglieremo le sanzioni. In Italia abbiamo un danno economico di circa 4 miliardi e in Lombardia ammonta a centinaia di milioni, a cui si aggiunge il danno che deriva dall’embargo messo dalla Russia. Il problema non è solo il danno economico. Ma la quota di mercato che si perde inesorabilmente”. Ha aggiunto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, a Milano, conversando con la stampa al suo arrivo al V Seminario Italia-Russia “L’ Arte dell’innovazione”.

La Russia e lotta al terrorismo

“I rapporti con la Russia devono essere più intensi. Anche a fronte di quello che e’ successo nel 2016 con il terrorismo internazionale – ha proseguito Maroni – su questo fronte e’ un partner strategico indispensabile per combattere il terrorismo. L’Europa come al solito e’ indietro secoli.” Ha concluso il presidente della regione Lombardia Roberto Maroni.

Nessun commento

Rispondi